ENPA SEZIONE BERGAMO

Colonie Feline

I gatti che vivono in stato di libertà appartengono al patrimonio indisponibile dello Stato ed è vietato per legge maltrattarli o allontanarli dal loro habitat, salvo per la loro sterilizzazione o per cure necessarie.

 

immagine colonia felina


Cosa sono le colonie feline?

Le colonie feline sono vere e proprie aggregazioni strutturate di animali non di proprietà, legate a un qualsiasi territorio o porzione di territorio urbano e non, edificato e non, sia esso pubblico o privato in cui i gatti trovano le risorse necessarie per sopravvivere (rifugio e cibo).

Si definiscono patrimonio indisponibile della cittadinanza sotto la tutela del primo cittadino (Sindaco). I membri che formano il gruppo si riconoscono tra loro: perciò, i gatti abbandonati nei pressi di una colonia troveranno grande difficoltà a inserirsi in essa.

Le colonie feline vengono salvaguardate:

  • a livello nazionale dalla Legge Nazionale del 14 agosto 1991, n. 281 – Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo;
  • a livello regionale dalla Legge Regionale Lombardia del 30 dicembre 2009 n. 33 – Testo Unico delle leggi regionali in materia di sanità. Leggi estratto e dalla 15/2016. Queste leggi stabiliscono che i gatti che vivono in stato di libertà sul territorio sono protetti ed è fatto divieto a chiunque di maltrattarli, prelevarli o di allontanarli dal loro habitat.

Chi è responsabile di questi animali?

La responsabilità è del Comune dove si trova la colonia ma, di fatto, le persone che si occupano della nutrizione e della cura dei gatti sono privati cittadini o volontari appartenenti ad associazioni di volontariato per la protezione animale, anche iscritte al Registro Regionale o Nazionale. È importante far sapere alle persone che accudiscono gatti liberi sul territorio che registrando la colonia felina di cui ci si prendono cura presso l’Amministrazione e l’ATS (ex ASL) gli animali saranno tutelati dal punto di vista sanitario: l’ATS si occuperà gratuitamente delle sterilizzazioni. Inoltre, i “gattari” saranno tutelati secondo la prospettiva giuridica in quanto responsabili riconosciuti dalle Autorità.

Registra la tua colonia felina

 

Come si gestisce una colonia felina?

Una corretta gestione della colonia permette di tenere sotto controllo diversi inconvenienti: da quelli igienici, a quelli di convivenza con i vicini, alla prolificazione indesiderata. Fondamentale è la corretta gestione del punto cibo.

• Il cibo deve essere distribuito ad ore fisse, in modo che i gatti consumino subito la loro razione; i contenitori – di preferenza usa e getta – devono essere rimossi quanto prima evitando di lasciarli sotto le auto parcheggiate o sulla pubblica via.

• Le eventuali “stazioni di rifornimento”, ove possibile, devono essere collocate al riparo dal sole e della pioggia per evitare decomposizioni e cattivi odori; per prevenire questo fenomeno, inoltre, è meglio fornire cibi secchi.

• Si deve provvedere sempre affinché ci sia dell’acqua a disposizione degli animali.

Ma queste regole non bastano se non si è provveduto alla sterilizzazione dei gatti, necessaria alla salvaguarda della salute e ad evitare la crescita incontrollata della popolazione felina.

 

Colonie feline: come prendersene cura. Articolo pubblicato su Bergamo Salute il 16 ottobre 2016

RESTIAMO IN CONTATTO





FAI UNA DONAZIONE

Schierati anche tu dalla parte degli animali
e aiutaci ad aiutarli.

Realizzato da Francesca La Banca
ENPA Bergamo

ENPA Bergamo